Fai parte della schiera di quelle centinaia di migliaia di persone in Italia che hanno intenzione di vendere casa? Se sei convinto di questa scelta e ci hai ormai pensato fino allo sfinimento, la prima cosa da fare è sicuramente selezionare un valido agente immobiliare a cui affidare l’incarico di vendita della casa.

Gli obiettivi da porsi quando si desidera vendere la casa sono due e sono comuni alla maggior parte delle persone intenzionate a fare questa vendita: vendere nel minor tempo possibile e ricavare il miglior prezzo possibile. Per quanto molte persone preferiscano concludere la trattativa tra privati, questa strada è sicuramente più tortuosa e lunga rispetto all’affidarsi ad un agente immobiliare che conosce tutte le eventualità del caso, come le complicazioni di natura catastale, urbanistica, di accesso al credito (se l’acquirente ha necessità di stipulare un mutuo). Per non parlare poi delle conoscenze di marketing, fondamentali in qualunque tipo di vendita e la concorrenza del mercato, che negli anni è sempre più in aumento.
In quanto venditore, il tuo unico potere sta nel decidere di non vendere il tuo immobile: puoi infatti declinare le proposte economiche che ti arrivano, ma nel caso tu voglia vendere hai sempre bisogno di chi compra. Molto spesso si sentono storie di venditori che hanno inizialmente rifiutato di vendere il proprio immobile perché ritenevano l’offerta troppo bassa (quando magari era congrua alle condizioni e alla posizione dell’immobile) per poi rivenderlo dopo anni ad un prezzo addirittura inferiore rispetto a quello che avevano rifiutato. Il mercato immobiliare non perdona gli sbagli, per questo è sempre preferibile avvalersi di un valido agente immobiliare.

Come scegliere il proprio agente immobiliare

L’agente immobiliare è una parte centrale della trattativa, il vero protagonista della vendita, l’interfaccia che avrai con tutti i possibili acquirenti: per questo è necessario che sia un professionista, capace e in grado di ottenere il miglior prezzo nel minor tempo possibile. Le caratteristiche che non devono mai mancare in un agente immobiliare sono tre:

  1. Professionale: è necessario che l’agente sia capace di svolgere la propria attività, con efficienza e competenza che si misura nelle azioni che compie. La prima cosa che farà un agente immobiliare professionista sarà una valutazione immobiliare scritta e un piano marketing rifinito nei minimi dettagli. Se queste due azioni non sono le prime cose che fa, scartalo e cercane un altro;
  2. Collaborativo: è necessario che l’agente immobiliare sia collaborativo all’interno di un mercato così competitivo e dinamico, la collaborazione con gli altri colleghi abilitati diventa così quasi obbligatoria per poter lavorare bene;
  3. Empatico: l’agente immobiliare dev’essere carismatico, saper coinvolgere gli acquirenti e i venditori anche sul piano relazionale. Se non sentite subito una connessione con l’agente immobiliare con cui avete preso appuntamento, non esitate a continuare nella vostra ricerca.

10 consigli utili per vendere la tua casa

Questa lista di consigli è pensata su un piano generale, non considerando nel dettaglio situazioni particolari. Ogni vendita, specie se si tratta di un immobile, è una situazione unica nel suo genere ed è per questo che bisogna valutare bene i passi da fare affinché la vendita si concluda in maniera positiva per il venditore e l’acquirente.

  1. Scegliere un ottimo agente immobiliare: questo è il primo step, avvalersi di una persona capace, che conosca in profondità il mercato immobiliare e che ti sappia consigliare al meglio ;
  2. Piano marketing: è fondamentale stabilire un piano marketing promozionale su larga scala per coinvolgere quante più persone nel tuo annuncio;
  3. Valutazione scritta dell’immobile: Visto che l’interesse verso un immobile appena messo in vendita è di appena qualche settimana, bisogna subito partire con azioni mirate a non far perdere interesse. Uno dei primi passi è far valutare l’immobile in formato scritto e deve considerare dei comparabili realistici e indicare un prezzo congruo all’immobile;
  4. Cartellonistica: sembra forse un consiglio anacronistico, ma il cartellone con su scritto VENDITA oppure AFFITTO è efficace nella maggior parte dei casi, quasi il 30% dei contatti arriva ancora tramite questo strumento, che anche se non sarà all’avanguardia, da ancora i suoi frutti. Il cartello dovrà sempre riportare i dati sulla classificazione energetica (APE+IPE). Inoltre occorre verificare se sono previste imposte di pubblicità comunali che l’agente immobiliare dovrà versare per non ricevere multe;
  5. Planimetria 2d/3d: questo consiglio sembra fare a pugni con il precedente, ma data la nuova era tecnologica e tutti gli strumenti chye ha portato con sè, perchè non usufruire anche delle planimetrie 2D e 3D? Le planimetrie catastali sono quasi sempre brutte e non permettono di capire la grandezza reale degli spazi;
  6. Testo descrittivo: Tanto più sarà dettagliato il testo, tanto più attirerà il cliente. Dunque non limitatevi a quelle descrizioni stringate, in cui viene spiegato il tipo di immobile e quante stanze ha; ogni casa ha una sua personale storia e l’agente immobiliare, se è capace ed empatico, riuscirà a spiegarla ai vostri possibili acquirenti concludendo l’affare;
  7. Email: L’agente immobiliare, se fa da tempo questo lavoro, avrà sicuramente una lunga lista di contatti: mandare una mail ad ognuno di essi, con le specifiche sulla casa in vendita è un ottimo passo sia per la pubblicità dell’immobile (magari non sarà interessato chi riceve direttamente la mail ma un suo conoscente/parente/amico) ma sarà anche un ottimo passo per la vendita della casa, sempre più vicina;
  8. Inclusione dell’immobile sul sito web dell’agenzia: è molto importante che il tuo immobile sia presente all’interno del sito web del tuo agente immobiliare. Su questa piattaforma ci sarà la possibilità di dare ampio spazio a testi descrittivi e file multimediali, che attirano molto la clientela;
  9. Servizio fotografico professionale: Le fotografie sono il biglietto da visita dell’immobile, unite alla descrizione che se ne fa; se le fotografie sono di un certo livello, la differenza si noterà subito e questo avrà un’incidenza sul processo di vendita. Un fotografo professionista sarà catturare la luce nel momento migliore e valorizzare così gli spazi della tua casa;
  10. Pubblicità su Facebook ads: Come ogni trattativa, non bisogna mai puntare sulla quantità della clientela quanto sulla qualità. È molto più facile che un cliente già parzialmente interessato all’acquisto dell’immobile decida di comprarlo, piuttosto che convincere un cliente che non nutriva alcun interesse. Con i nuovi progressi tecnologici, è possibile profilare il nostro cliente ideale per età, interessi, sesso, provenizenza. Potranno essere molti utili gli strumenti come Google Adwords e Facebook ads; questi permetteranno di inviare messaggi promozionali a più persone già orientate all’acquisto.

Conclusioni

Come avrete appena letto, vendere una casa è difficile ma non impossibile, l’importante è servirsi degli aiuti e degli strumenti giusti!